1. A scelta, nell’ambito delle attività formative curriculari affini e integrative (tipologia 4) indicate nella Tabella A.
  2. Attività formative curriculari obbligatorie caratterizzanti (tipologia 2) indicate nelle Tabelle B1, B2, B3, a seconda che si scelga il percorso “Progettazione e gestione dei sistemi energetici”, “Efficienza energetica” o “Motoristico”, rispettivamente.
  3. A scelta, nell’ambito delle attività formative curriculari caratterizzanti (tipologia 2) indicate nelle Tabelle C1, C2, C3, a seconda che si opti per il percorso “Progettazione e gestione dei sistemi energetici”, “Efficienza energetica” o “Motoristico”, rispettivamente.
  4. A scelta, nell’ambito delle attività formative curriculari consigliate per la scelta autonoma dello studente (tipologia 3) indicate nelle Tabelle D1, D2, D3, a seconda che si opti il percorso “Progettazione e gestione dei sistemi energetici”, “Efficienza energetica” o “Motoristico”, rispettivamente.

Il soddisfacimento delle condizioni indicate nelle note a), b), c) e d) comporta la definizione di un piano di studi di automatica approvazione, per il quale lo studente comunica alla Segreteria Studenti dell’Area Didattica di Ingegneria della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base solo il percorso scelto (“Progettazione e gestione dei sistemi energetici”, “Efficienza energetica” o “Motoristico”). In tale comunicazione, l’allievo indica altresì l’insegnamento a scelta autonoma (tipologia 3), per il quale sono consigliati gli esami delle Tabelle D1, D2 e D3.

Soluzioni personalizzate possono essere seguite dietro presentazione di un piano di studi individuale, nei termini stabiliti dal Regolamento Didattico. La presentazione di un piano individuale è inoltre necessaria per la selezione dei 30 CFU (curriculari ed extra-curriculari) necessari al conseguimento del “Minor IT in Tecnologie Green” (si veda successiva nota h).

La Commissione di Coordinamento Didattico del Corso LM-IMEA si riserva di approvare o meno il piano di studi individuale sulla base, come stabilito dalle norme di legge, di una chiara motivazione espressa dall’allievo. In tutti i casi, un esame potrà essere sostenuto solo dopo che il relativo corso sia stato erogato nell’Anno Accademico di presentazione del Piano di Studi.

  1. Il tirocinio extramoenia può essere svolto presso aziende, centri di ricerca o altri enti pubblici e/o privati e mira ad acquisire conoscenze specialistiche con affiancamento a personale impegnato in attività di progettazione, produzione e gestione di impianti di produzione o di ricerca, al fine di avere un primo approccio con il modo lavorativo. Il tirocinio intramoenia può essere svolto presso laboratori di ricerca dell’ateneo al fine di acquisire conoscenze specialistiche con l’affiancamento al personale docente e ricercatore nella conduzione di attività di ricerca e sviluppo. In tutti i casi esso dovrà essere certificato da un libretto di tirocinio e da un modello AC a cura del tutor universitario.
  2. Le ulteriori conoscenze possono essere acquisite mediante attività accreditate e pubblicizzate sul sito del Corso LM-IMEA. Esse consistono essenzialmente nella frequenza di Seminari, corsi MOOC sulla piattaforma “Federica” o partecipazione ad iniziative studentesche di Ateneo. In tutti i casi l’assolvimento di tali compiti deve essere attestato da opportuna certificazione rilasciata dai docenti responsabili di seminari e iniziative studentesche di Ateneo, o dalla piattaforma “Federica”.
  3. Il Lavoro di Tesi potrà essere svolto anche presso aziende in Italia o all’estero. Esso sarà sviluppato sempre sotto la diretta e piena responsabilità di un Docente dell’Area Didattica di Ingegneria dell’Università Federico II di Napoli (le procedure di assegnazione del tesista al Relatore sono precisate nel Regolamento Didattico del Corso di Studi) e potrà, eventualmente, avvalersi della correlazione di un Tutor Aziendale. Le procedure di assegnazione del Tutor Aziendale sono regolate dal Regolamento Didattico del Corso di Studi nonché da Specifiche Convenzioni.
  4. L’adesione al progetto formativo “Minor IT in Tecnologie Green” unitamente alla compatibilità con gli insegnamenti caratterizzanti la LM-IMEA impone la presentazione di un piano di studi individuale, nel rispetto dei seguenti vincoli:
    • Acquisizione di almeno 18 CFU curriculari non caratterizzanti (tipologie 3, 4 e 6):
      • 9 CFU a scelta autonoma, selezionati dagli insegnamenti di tipologia 3 della Tabella C.TG.
      • Almeno 6 CFU affini/integrativi, selezionati dagli insegnamenti di tipologia 4 delle Tabelle A.TG e B.TG.
      • 3 CFU di ulteriori conoscenze (tipologia 6), acquisibili esclusivamente mediante frequenza ad attività seminariali organizzate in Ateneo e concernenti elementi di cultura giuridico/normativa, economica e manageriale riferiti alle problematiche dell’energia, dell’ambiente, della sostenibilità.
    • Acquisizione di almeno 12 CFU extra-curriculari (di qualsiasi tipologia). Si precisa che i crediti extra-curriculari possono essere conseguiti entro un anno dal completamento della laurea magistrale, senza costi aggiuntivi per lo studente:
      • Almeno 6 selezionati da qualsiasi insegnamento di Tabella A.TG.
      • Il resto da qualsiasi insegnamento delle Tabelle B.TG e C.TG.
    • Acquisizione di almeno 9 CFU curriculari caratterizzanti, selezionati da insegnamenti di tipologia 2 della Tabella B.TG.
    • Ai fini dell’approvazione del piano individuale verrà valutata:
      • la coerenza dello stesso in relazione ai temi della transizione ecologica e ai percorsi curriculari standard (“Progettazione e gestione dei sistemi energetici”, “Efficienza energetica” e “Motoristico”)
      • la distribuzione delle tipologie di attività formativa selezionati dalle tabelle A.TG e B.TG.
    • Ai fini della certificazione del conseguimento del “Minor IT in Tecnologie Green” è infine necessario lo sviluppo di una prova finale (Tesi di Laurea) a carattere interdisciplinare su argomenti coerenti con le tematiche del Minor.